Museo D’Arte Medievale E Moderna Di Arezzo

Il museo d’arte medievale e moderna di Arezzo è una perla di cultura e di storia, ubicata nel cuore della città toscana. Facile da raggiungere a piedi po con i mezzi pubblici, il museo si trova in via San Lorentino 8, presso il palazzo Bruni Ciocchi detto della Dogana. Il palazzo stesso è parte integrante della storia aretina, in quanto eretto per volere di Donato Bruni, figlio del celebre umanista Leonardo Bruni.

Museo D'Arte Medievale E Moderna Di Arezzo
Museo D’Arte Medievale E Moderna Di Arezzo

La prima attribuzione del disegno di questo palazzo era stata attribuita all’architetto rinascimentale Bernardo Rossellino, ma questa tesi è stata poi rivista e corretta. Molte le famiglie nobiliari che si sono succedute nel palazzo, fino al momento dell’acquisto da parte del governo toscano che lo trasformò in un grande deposito a servizio della città, dedicato soprattutto alla conservazione del sale.

Il palazzo divenne museo nel secondo dopo guerra e da allora ospita nei suoi tre piani un’importante collezione di opere artistiche, mentre nella antica limonaia ospita il laboratorio dedicato al restauro.

Le collezioni del museo sono strettamente legate alla città e alla sua storia. Buona parte delle opere contenute appartengono infatti alla Fraternita dei Laici, o Fraternita di Santa Maria della Misericordia e al Comune di Arezzo. La Fraternita dei laici, ancora oggi esistente, nacque nel ‘200 a scopi caritatevoli e con il fine di commissionare opere d’arte di valore storico per la comunità di Arezzo.

Al piano terra del museo è possibile incontrare un’esposizione di rilievi e sculture medievali e rinascimentali e frammenti lapidei risalenti al medioevo. Sculture provenienti dalle chiese di Arezzo adornano la sala attigua. Il primo piano segue un ordine cronologico e presenta una ricca collezione di dipinti e di oggetti legati alla vita comune medioevali, quali monete, armi e oreficerie.

In particolare le stanze ospitano affreschi attribuiti a Spinello Aretino e al figlio Parri. Curioso è notare che nel corridoio del museo è collocato uno dei dipinti su tavola più grandi del ‘500, il “Convito per le nozze di Ester e Assuero”, eseguito da Giorgio Vasari. Il museo si completa con un’importante collezione di maioliche italiane e ospita all’ultimo piano una selezione di oggetti d’arte, armi ed elementi in corallo risalenti al XVI-XX secolo.

Il museo d’arte medievale e moderna di Arezzo è aperto tutti i giorni tranne il lunedì dalle 8.30 alle 19.30 e l’ingresso è gratuito. L’edificio è inserito in un percorso storico culturale ricco e interessante ed è parte integrante delle visite guidate organizzate dal comune di Arezzo, le quali aiutano gli abitanti e i visitatori a scoprire l’immenso patrimonio culturale offerto dalla città.

Scopri tutte le nostre offerte per le tue vacanze ad Arezzo.

 

Photo credit: Wikimedia

Un Giorno Ad Arezzo

Se vuoi trascorrere un giorno ad Arezzo, ti consiglio di attraversarla a piedi, in modo da poter incontrare sia le attrazioni principali che la città offre, sia i luoghi meno conosciuti, ma altrettanto suggestivi.

Un Giorno Ad Arezzo

Puoi dedicare la prima parte della giornata alla visita del centro storico di Arezzo, partendo da Piazza Grande, conosciuta anche come Piazza Vasari. Si tratta di uno spazio trapezoidale e in salita, che molti ricorderanno come set de ‘La vita è bella’, film premio Oscar di Roberto Benigni.

Sulla piazza affacciano la Chiesa di Santa Maria della Pieve con il suo campanile di 59 metri; la Fraternità dei Laici con il suo orologio astronomico ancora funzionante; il Palazzo delle Logge, progettato da Vasari e il Palazzo Casatorre dei Cofani.Proseguendo per il centro incontrerai la Basilica di San Francesco che custodisce al suo interno capolavori rinascimentali come il ciclo di affreschi delle ‘Leggende della Vera Croce’, di Piero della Francesca e la Cappella Bacci.

Non lontano da lì troverai un piccolo gioiello della città di Arezzo, poco conosciuto dal turismo di massa: la Chiesa della Santissima Annunziata, che conserva opere di Guillaume De Marcillat, Spinello Aretino e Giorgio Vasari.

Altro tesoro poco conosciuto della città di Arezzo è il Museo di Arte Medievale e Moderna, ospitato nella Casa della Dogana, antica sede dei Monopoli di Stato. Qui troverai una ricca selezione di opere di artisti come Lorenzetti, Della Robbia e Vasari, ma anche opere ottocentesche, come quelle di Signorini e Cecioni.

Il Duomo di Arezzo, dedicato a San Donato, si trova invece sulla parte alta della città ed è famoso per le bellissime vetrate ad opera di De Marcillat, ma anche per le opere di pregio che conserva al suo interno, come la ‘Maddalena’ di Piero della Francesca e le terracorre di Andrea della Robbia.

La seconda parte del tuo giorno ad Arezzo può essere dedicata, dopo una pausa pranzo per gustare la deliziosa chianina al sangue, alle zone di campagna che circondano la città, raggiungibili tramite il trasporto pubblico.

A pochi chilometri dal centro storico esistono luoghi di incredibile bellezza paesagistica, come il Ponte Buriano, che affaccia sull’Arno e dove riconoscerai il ponte raffigurato sullo sfondo della Gioconda di Leonardo. Molto interessante anche la zona di Castelsecco, nei pressi dello Stadio Comunale, dove sorgono resti templari di origine etrusca.

Tutte le nostre offerte per le tue vacanze ad Arezzo.

 

Photo creditGuillén Pérez

Antica Chiesa Di Arezzo Santa Maria Della Pieve

L’antica chiesa di Arezzo Santa Maria della Pieve, comunemente conosciuta anche come la Pieve, è un luogo di culto cattolico, tra i più grandi e attraenti di tutta la Toscana.

Antica Chiesa Di Arezzo Santa Maria Della Pieve

Costruita interamente con pietra arenaria, la chiesa si trova sulla strada principale del corso storico di Arezzo, ovvero Corso Italia, con l’abside che sporge verso Piazza Grande. L’elemento più appariscente della Pieve è sicuramente il grande campanile, simbolo della città che fu terminato nel 1330.

La costruzione di questo edificio rappresenta uno dei primissimi esempi architettonici del periodo Medievale di Arezzo, ed ebbe inizio durante la seconda metà del dodicesimo secolo. Questa grande chiesa fu costruita sui resti di un altro luogo di culto risalente all’anno 1000.

Residui architettonici della chiesa originale si possono ammirare nella decorazione delle porta che si trova sul lato di via Di Seteria. La costruzione dell’antica chiesa di Arezzo Santa Maria della Pieve non fu completata fino alla prima metà del quattordicesimo secolo, con restauri ed alterazioni che hanno preso luogo durante il sedicesimo e diciannovesimo secolo, e anche in tempi più recenti.

La facciata esterna in stile romanico era originariamente semplice, ma con l’ascesa dell’influenza architettonica di Pisa, essa fu modificata con una serie di arcate cieche poggiate su colonne sormontate da capitelli corinzi.

All’interno troviamo una grande navata centrale e due laterali. La navata centrale sfocia in un’abside, ovvero la parte finale e arrotondata della chiesa, davvero molto vasta.

Le pareti interne della chiesa sono decorate da opere d’arte di grande rilevanza storia, qui troviamo infatti il famoso dipinto della Vergine col Bambino e i Santi Giovanni Evangelista, Donato, Giovanni Battista e Matteo, commissionato a Pietro Lorenzetti nel 1320.

Ma non solo, nella cripta è conservato il busto reliquiario di San Donato, nato ad Arezzo nel quarto secolo e Santo patrono della città e della provincia. Tra i pochi affreschi rimasti, è degno di nota anche quello raffigurante i Santi Francesco e Domenico, attribuito ad Andrea di Nerio, e che possiamo ammirare sul lato sinistro del presbiterio.

Per quanto riguarda le sculture presenti nell’antica chiesa di Arezzo Santa Maria della Pieve si ricordano le due formelle raffiguranti il Presepio e l’Epifania, riconducibili ad uno scultore antelamico, ovvero un seguace del grande scultore Benedetto Antelami.

Scopri tutte le nostre offerte per le tue vacanze ad Arezzo.

 

Photo creditEmanuele Baroni

Arezzo: Dove parcheggiare per raggiungere il centro storico.

Come e dove parcheggiare ad Arezzo

Trovare un parcheggio comodo quando si visita una città per la prima volta può essere un vero e proprio dramma, soprattutto quando si vuole raggiungere senza troppa fatica i luoghi di maggior interesse storico/culturale. Questi siti si trovano spesso in aree pedonali o in zone a traffico limitato che consentono l’ingresso solo a determinate ore della giornata se non addirittura ai soli residenti. In genere le soluzioni sono due: addentrarsi nei centri storici rischiando di vedersi recapitare a casa una multa salata oppure affidarsi a parcheggi a pagamento con tariffe che per i lunghi periodi superano il costo della sanzione.

Per chi non sa bene dove parcheggiare ad Arezzo c’è una soluzione pratica per raggiungere il centro: il Parcheggio di Via Pietri, conosciuto anche come il parcheggio delle scale mobili. Di recente realizzazione, questo parcheggio è in parte a pagamento ma alcune zone sono totalmente GRATUITE  e costituisce senza ombra di dubbio il miglior modo di accedere alla parte medioevale della città.

Parcheggiata l’automobile a pochi metri è possibile rinfrescarsi dal viaggio grazie ad un bar aperto tutti i giorni (tranne la domenica) ad orario continuato per poi procedere verso la parte alta della città grazie alle comodissime Scale Mobili. Le scale mobili conducono dal parcheggio di via Pietri alla Cattedrale della città passando per un centro turistico dove potrete trovare tutte le informazioni sugli eventi in corso nella nostra citta.

Vicino al parcheggio di Via Pietri, precisamente in via Pier Luigi da Palestrina, è disponibile un’ area camper  comunale: il parcheggio Tarlati. Questa area di sosta offre parcheggi per camper molto comodi (4X8 metri), presenta un’ottima pavimentazione ed è costantemente illuminata. Ottimo approdo per le autocaravan presenta un camper service perfetto nelle sue specifiche, l’area camper si trova in una zona tranquilla e dista pochissimo dal centro storico storico di Arezzo.