Il famosissimo quotidiano inglese consiglia la nostra struttura a chi cerca un alloggio di charme in Arezzo

 

telegraph-header

Sempre più spesso troviamo la nostra bella città al centro di un rinnovato circuito turistico internazionale, dovuto anche alla nuova politica di “accoglienza” che da qualche anno la città di Arezzo sta adottando per soddisfare la crescente richiesta di vacanze “full immersion” nella storia della nostra bella terra.

Questa volta Arezzo è riuscita addirittura a sbarcare in Inghilterra grazie al “Telegraph” che con un suo esaustivo articolo ha portato la bellezza della nostra cultura direttamente nelle case degli inglesi; in questa narrazione di due pagine accompagnata da bellissime immagini della città e dei luoghi di interesse che la circondano, vengono elogiate le caratteristiche e possiamo dire senza paura di smentita, le grandi virtù artistiche che la nostra città possiede a partire dalla sua Cattedrale situata nel cuore del centro storico di questa realtà dalle origini che si perdono nei tempi, nonché da una minuziosa descrizione dei “segni” di Piero tra i quali l’immancabile accurata attenzione ai suoi affreschi nella Leggenda della vera Croce conosciuta in tutto il mondo ed apprezzabile nella splendida Basilica di San Francesco, al tipico folcrore della Fiera antiquaria che ogni prima domenica del mese fa da cornice medievale ed anima le strade degli storici quartieri aretini, per arrivare a sottolineare poi la giusta coniugazione fra la suggestione di una memoria storica così ricca e la riscoperta di antichi piaceri, tradizioni culinarie ed accoglienza turistica.

In particolare vengono citati piacevoli angoli preziosi definiti dallo stesso Telgraph “posti di eccellenza” tra i quali,  con la seguente dicitura, viene segnalato il nosstro Bed and Breakfast:

” The town’s best chic budget option is B&B Antiche Mura (Piaggia di Murello 35; 0575 20410; www.antichemura.info; doubles from €75/£66), housed inside a 13th-century palazzo … ” (Telegraph Travel – 18 Giugno 2011).

Clicca qui per leggere l’ Articolo originale del Telegraph.